Il blog di Cybermarket

Il tuo sito è usabile? Indizi per capire come stai andando

Pubblicato da Tozzetti Chiara | Giovedì 19 Maggio 2016 in Web Design, PMI, Local Marketing con 0 commenti
Il tuo sito è usabile? Indizi per capire come stai andando

Rendere comoda la navigazione e la lettura di un sito non è banale. poco tempo e poca attenzione rendono l'usabilità un must.

Di siti ce ne sono di tutte le forme i colori e i tipi. Questo non significa che siano semplici o comodi da navigare.
Voglio dire, fino a qualche anno fa (che su Internet significa millenni – certo – ma non per chi acquista un sito) la norma erano i siti in Flash: animazioni da tutte le parti, ma per tornare alla home, mica era una cosa semplice!
Insomma, per iniziare a capire quanto sia semplice riuscire a navigare il tuo sito potresti iniziare facendoti un po’ di domande:

  • Si capisce facilmente di chi è il sito in qualunque pagina del sito? Ad esempio hai inserito il logo in tutte le pagine? Magari con un link alla pagina iniziale del sito?
  • In alto hai inserito tutte le informazioni più importanti? Ad esempio le informazioni di contatto come il numero di telefono e l’e-mail? Non tutti hanno voglia di arrivare fino alla fine della pagina
  • Nel menù cosa c’è? È importante che sia strutturato nel modo più semplice possibile, in modo che per arrivare a qualunque cosa stiamo cercando siano necessari meno click possibili (meglio se non più di 3)
  • I testi si leggono in modo agevole? Scrivere e leggere del testo su una pagina Internet non è la stessa cosa che scrivere a mano, per questo è importante formattare il testo usando paragrafi, titoli e sottotitoli, grassetti e corsivi. L’occhio del lettore seguirà i punti salienti della pagina saltando quelli che sono poco evidenti al colpo d’occhio.
  • Ci sono immagini che accompagnano i testi? La formattazione del testo è importante, ma parte della comunicazione viene veicolata anche dalle immagini. Soprattutto online inserire un’immagine all’interno di un testo aumenta l’usabilità del testo stesso e aggiunge informazioni. 
  • Sono presenti degli inviti all’azione? Ad esempio bottoni che indicano chiaramente un’azione da fare. Questi brevi testi sono molto utili per indirizzare l’utente verso il passo successivo che può compiere sul sito. 
  • Il sito è ottimizzato per la visualizzazione da mobile? Se vai sul sito dallo smartphone o dal tablet devi muovere la pagina a destra e a sinistra per leggere tutto quanto? Oppure, la pagina è piccola piccola, tanto che per poter leggere qualcosa devi ingrandire l’immagine del 70%? Ecco, in quel caso, il sito non è quello che si dice responsive. Noiosetto da consultare al volo, no?!
     

Queste sono delle indicazioni di massima, per una lista molto più completa e approfondita puoi leggere questo articolo di Roberta Camuffo

Tozzetti Chiara
Informazioni sull'autore

Tozzetti Chiara - Cybermarket Web Agency

Web Marketing Strategist - Certificata Google Partner

Aggiungi un commento
L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati (*)

Articoli Correlati

Giovedì 7 Gennaio 2016
Pro e contro di due strumenti per le aziende in grado di creare un prodotto professionale e con ottime potenzialità
Giovedì 5 Febbraio 2015
miniSito, uno strumento abbastanza economico per andare online: cos'è e perché può tornare utile...davvero
Giovedì 10 Marzo 2016
Un sito internet che si adatta allo schermo dell'utente, questo significa responsive [Da un'infografica di SemRush]