Local Marketing, alla scoperta dell’acqua calda | #2 miniSito

Pubblicato da Chiara Tozzetti | Giovedì 5 Febbraio 2015 in Web Marketing, Local Marketing con 0 commenti
Local Marketing, alla scoperta dell’acqua calda | #2 miniSito

miniSito, uno strumento economico per andare online: cos'è e perché può tornare utile...davvero

Siamo partiti la settimana passata in questo viaggio nell’assolutamente noto. Una volta assodato che avere una posizione ben evidente sulle mappe è un passo irrinunciabile parte un altro interrogativo esistenziale: ma ha senso avere un sito?

E a livello di marketing territoriale, la questione non è poi così banale. Infatti, se per aziende strutturate in grande la risposta è un sì convintissimo, per i piccoli imprenditori locali la replica va ponderata.

Infatti, se è vero che ci sono le pagine Facebook, e tutti gli altri account social che possono dare una presenza online senza investire un euro (almeno in un primo momento) è anche vero che il sito costa, e non sempre (leggi quasi mai) i soldi da investire sono moltissimi.

Dei social ne parleremo meglio in un altro momento, per ora partiamo dicendo che una possibile soluzione al problema potrebbe essere il miniSito.

Partiamo da spiegare di cosa si tratta 

Il miniSito è una tipologia di sito che si articola in una sola pagina (sito monopagina), ha una struttura che si inserisce in modo molto chiaro all’interno dei prodotti che sono più direttamente legati alla cultura contemporanea, dato che per navigare un miniSito basta scrollare con il mouse e/o con il dito da mobile per avere a portata tutti i contenuti. Un’abitudine che ci porta alla mente i social (soprattutto il blu di Facebook). In più, i siti monopagina sono in genere “responsive”, ossia capaci di adattarsi alle dimensioni di qualunque dispositivo; un altro elemento fondamentale per farsi trovare online di questi tempi.

Passiamo al perché a una PMI potrebbe essere utile un miniSito 

Ce ne potrebbero essere altri, noi abbiamo isolato tre motivi:

1) Abbocca all’amo dei clienti che ti cercano

Un po’ come dicevamo la settimana passata, ormai ci siamo abituati a cercare su Google quello di cui abbiamo bisogno. E Google, è vero, ha le mappe, ma prima di tutto è un motore di ricerca che mostra tra i suoi risultati i siti. Quindi averne uno può fare la differenza tra essere trovati e restare a bocca asciutta.

2) Occhio di bue sui tuoi prodotti/servizi di punta

Proprio come a teatro, in mezzo alla luce forte che illumina il protagonista: avere un miniSito mette a disposizione uno spazio limitato che ti permette di far concentrare l’attenzione di chi ti cerca sui tuoi punti forti.

3) Andare sì online, ma senza svenarsi

Le piccole aziende come abbiamo detto (e anche, qui torna il concetto del risaputo o "acqua calda" che dir si voglia) le piccole aziende non hanno budget astronomici a disposizione di solito per promuoversi. Ma questo non significa rinunciare alle buone, nuove possibilità offerte dal mercato: il miniSito permette di andare online, e a un prezzo contenuto.

 

Insomma, questo è quanto per il momento. Prossima settimana continuiamo ad immergerci nel tema Local, ormai ci abbiamo preso gusto :)

Chiara Tozzetti
Informazioni sull'autore

Chiara Tozzetti - Cybermarket Web Agency

Web Marketing Strategist - Certificata Google Partner

Aggiungi un commento
L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati (*)
Ho preso visione dell’informativa privacy
* Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
Acconsento

Articoli Correlati

Giovedì 5 Febbraio 2015
miniSito, uno strumento economico per andare online: cos'è e perché può tornare utile...davvero