Sito economico e professionale, il mio consiglio

Pubblicato da Chiara Montanelli | Giovedì 24 Gennaio 2019 in Sviluppo Web con 0 commenti
Sito economico e professionale, il mio consiglio

Da una situazione classica per un consulente digitale, riflessioni e consigli su cosa significa davvero investire bene, quando si progetta di realizzare un nuovo sito web

Un po’ di tempo fa, mi è capitato di essere contattata da una persona che necessitava di un sito internet per la sua attività.
Siamo al classico appuntamento preliminare, quello in cui ogni consulente che si rispetti cerca di avere una panoramica completa sulle necessità del potenziale cliente.
Dopo una lunga chiacchierata, quando tutto sembrava andare per il meglio, al momento di parlare di compensi arriva la classica frase: “Ma come, così tanto?! Ho trovato un architetto che con la metà me lo fa, il sito internet!”.

Cosa c’è dietro a un prezzo?

Dato che la sfida di ogni consulente è proprio quella di far comprendere al cliente l’importanza di un investimento fatto con consapevolezza e criterio, pongo subito al cliente un’altra domanda: “Lei si farebbe progettare una casa da un fioraio?”.
Perché è proprio nel bagaglio di conoscenze che risiede la differenza fra un lavoro fatto bene e uno no.
E di conseguenza, anche quella fra un investimento in grado dare risultati e uno no.

Avere un sito internet carino ma poco funzionale, non è di grande utilità per il cliente, poiché il rischio di trovarsi sommerso nel grande calderone di Internet è altissimo.

 

E, in tutta onestà, questo è proprio quello che capita a chi per risparmiare, non si rivolge alla figura professionale giusta o a persone con minima esperienza nel settore.

Insomma, la classica pagina creata su una delle tante piattaforme gratuite, accessibili praticamente a tutti, correrà il rischio di essere solo un “biglietto da visita” fra altre migliaia di “biglietti da visita”.

Il mio consiglio per chi non ha molto budget a disposizione

“Ponderate bene l’investimento da fare” – ecco cosa consiglio io ai clienti che possono investire budget limitati, e per i quali, spesso, la soluzione del sito a basso costo sembra l’alternativa più giusta.

Un sito internet fatto bene e che vi consente di apportare interventi di SEO o di essere integrato all’interno di strategie di web marketing, non necessariamente costa uno sproposito e, soprattutto, non siete obbligati a fare tutto e subito. Quindi, iniziate da un sito internet funzionale, che sia un vero e proprio strumento di lavoro e non una semplice locandina della vostra attività.

In questo modo avrete già una buona base di partenza, da cui partire tranquillamente anche in futuro per fare investimenti ulteriori (ad esempio web marketing).

Da molti clienti insoddisfatti da lavori apparentemente economici, che hanno però dovuto rifare tutto daccapo, ho imparato una grande verità: non è lo spendere poco che fa risparmiare, ma l’investire bene.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Chiara Montanelli
Informazioni sull'autore

Chiara Montanelli - Cybermarket Web Agency

Consulente Digitale

Articoli Correlati

Giovedì 4 Agosto 2016
Da una ricerca di Google indicatori da tenere sotto controllo rispetto alla velocità del sito per migliorare le performance dei siti mobile
Giovedì 10 Marzo 2016
Un sito internet che si adatta allo schermo dell'utente, questo significa responsive [Da un'infografica di SemRush]
Giovedì 19 Maggio 2016
Rendere comoda la navigazione e la lettura di un sito non è banale. poco tempo e poca attenzione rendono l'usabilità un must.