Guardare indietro per progettare

Pubblicato da Chiara Tozzetti | Venerdì 21 dicembre 2018 in Curiosita con 0 commenti
Guardare indietro per progettare

Com’è andato l’anno? I progetti iniziati sono stati portati in fondo? Non tutti? Bene, magari è il momento di riconoscersi il lavoro fatto, e da lì, iniziare a progettare per l’anno nuovo

Darsi degli obiettivi e poi controllare com’è andata, onestamente ma con garbo, almeno per me, non è facile. Perché, se di solito – presa dall’euforia – fare progetti non è così complicato, poi controllare non è altrettanto semplice.

E controllare significa davvero essere onesti e darsi delle “pacche sulle spalle” quando ci vuole, ma nemmeno troppo buoni, che sennò si può fare a meno di controllare.
Qualche domanda che riassume: come sono andati i progetti 2018? Si è raggiunto il punto “fine!”? Se sì, come? Si può migliorare? Se no, perché? L’obiettivo “fine” era ragionevole o troppo ottimistico?

Intanto, racconto un po’ quello che è venuto fuori dalla mia lista…

Progetti 2018 – Com’è andata

Blog: revisione dei vecchi articoli e più voci in futuro

Il nostro blog è nato qualche anno fa, e ci ho scritto molto spesso io. Negli anni, quello che ho imparato attraverso l’esperienza, ma anche la formazione e il confronto coi colleghi e coi clienti mi ha ovviamente portato a cambiare opinione o punto di vista più di una volta.

Quindi, quest’anno ho messo mano ai vecchi articoli del blog: in parte sono stati revisionati per essere più attuali, altre volte sono stati cancellati proprio, altre volte mi sono data – appunto – la famosa pacca sulla spalla.

via GIPHY

L’idea (un po’ già avviata per la verità) riguardo al futuro di questo blog però è che ci siano più punti di vista e per questo scriveranno altri colleghi e via via ci sarà qualche collaborazione esterna. In questo modo gli argomenti saranno più vari così come i punti di vista, le problematiche affrontate, gli aggiornamenti e approfondimenti.

Scrivere un blog è impegnativo, ma per un’azienda quando è condiviso è più leggero e ha più valore.

Varie riorganizzazioni interne: grafiche e non solo

Già da qualche tempo abbiamo iniziato un processo di revisione grafica della comunicazione aziendale online e offline, e per questo ci siamo rivolti a un professionista: Andrea Pisano, che ci ha ascoltati e seguiti in questo percorse.

L’obiettivo di questo cambio d’abito è avere un’immagine più rappresentativa di quello che nel corso dei 23 anni di attività Cybermarket è diventata; ma anche di quello a cui aspira. Per fare questo ci sono stati anche dei cambiamenti interni di gestione. 

Chiaramente non è un processo velocissimo già di suo, e riuscire ad adeguare il sito e tutto il resto in mezzo ai progetti dei clienti, non è proprio cosa da niente. Quindi, se quest’anno non abbiamo portato proprio in fondo tutto quanto, nel prossimo vediamo di arrivare al punto fine.

Corsi di formazione

Rispetto all’anno passato abbiamo diminuito il numero di corsi organizzati in azienda. Principalmente per una questione di tempo: tempo di gestione, di organizzazione e preparazione dei corsi.
Abbiamo organizzato dei corsi a pagamento non dedicati ad una singola azienda, una novità per noi, pensati per rispondere - alla necessità venuta fuori l’anno passato - di entrare più nel pratico degli argomenti trattati. Il risultato, sempre secondo il principio "onesti, non perfezionisti", è medio.
Ci sono state cose che sono andate meglio delle aspettative e altre da cui sono rimasta un po’ delusa.

Quindi sì, ci saranno modifiche ai corsi che teniamo. Qualche idea c’è già, ma di sicuro abbiamo un nuovo punto della lista progetti 2019.

In-Tuscany

Portale Turismo In-Tuscany - cybermarketAnche in questo caso, non con semplicità, ma siamo riusciti a portare avanti un progetto parallelo ai lavori dei clienti.
Questo lavorare su più fronti – ci tengo a ribadirlo – non è scontato, né banale, perché significa trovare spazi vuoti dove solitamente non ce ne sono.

Detto questo, In-Tuscany è un portale per il settore turismo con molti anni di onorato servizio alle spalle, che – tra non pochi alti e bassi – quest’anno è stato ristrutturato.
Siamo partiti dalle fondamenta: quindi, struttura del database e aggiornamento dei dati; e poi ci abbiamo messo delle pareti colorate. Il progetto però dev’essere ancora sviluppato. E quindi, bravi eh, ma via anche questo nella lista dei progetti 2019…

Insomma, non so se si è capito ma:

  • questa “mia” lista (affatto esaustiva) è il frutto di un lavoro di gruppo per cui ringrazio molto;
  • e, sì, la lista 2019 è già piuttosto lunga e densa.

Quindi niente, a risentirci a fine anno per vedere com’è andata e se ci saranno new entry per quella 2020!

Chiara Tozzetti
Informazioni sull'autore

Chiara Tozzetti - Cybermarket Web Agency

Digital Strategist + Seo e Google Ads Specialist

Articoli Correlati

Venerdì 21 dicembre 2018
Com’è andato l’anno? I progetti iniziati sono stati portati in fondo? Non tutti? Bene, magari è il momento di riconoscersi il lavoro fatto, e da lì, iniziare a progettare per l’anno nuovo