Visibilità a costo zero o sfruttare al meglio le opportunità?

Pubblicato da Alessandro Fusi | Venerdì 22 Novembre 2019 in Web Marketing, Eventi e Formazione con 0 commenti
Visibilità a costo zero o sfruttare al meglio le opportunità?

3 professionisti del marketing per ragionare su tutte le potenzialità di digitale + finanziamenti per le imprese

Quando faccio consulenze o incontri con i titolari di aziende del territorio, mi capita spesso di trovarmi di fronte a persone molto interessate nei confronti delle opportunità che Internet può offrire, ma anche in difficoltà a far combaciare l’investimento necessario per la buona riuscita del progetto e il bilancio. In altri casi, riscontro incertezza o comunque poca consapevolezza su quanto un investimento sul digitale possa essere davvero produttivo.

L'iniziativa di CNA ed Eurobic Toscana Sud a cui ho avuto il piacere di partecipare come relatore con Alessio Venturi, consulente certificato web marketing strategico e Connection Manager WMI, e Maurizio Masini, ricercatore presso l’Università degli Studi di Siena, aveva proprio la finalità di colmare questo gap.
Alle attività del territorio che hanno partecipato abbiamo parlato delle opportunità di crescita offerte dai processi di digitalizzazione per sviluppare il proprio business attraverso Internet: analizzando i trend di mercato e i dati per creare vendite, contatti o flusso di persone in negozio (a seconda del tipo di attività) tutto questo a costo zero…

A costo zero?! Quindi tre professionisti che lavorano gratis?

Ecco, partiamo da qui, da una precisazione che il Dott. Masini, come primo relatore, ha fatto: investire su internet con professionisti del settore ha un gran valore, e quindi no, non lavorano gratuitamente. Ma non è nemmeno vero che debbano essere gli imprenditori in primis a investire.
Perché si può, ad esempio, accedere a finanziamenti per il digitale grazie a fondi messi a disposizione da CNA ed Eurobic Toscana Sud per la formazione e le attività necessarie alla promozione.

L’intervento di Masini è stato veramente completo ed emozionate: un racconto che ripercorre la storia della comunicazione, del marketing e delle tecnologie, iniziato 15.500 anni fa con l’indice e il pollice, due dita fondamentali ancora oggi per poter comunicare.

Il mio intervento aveva come oggetto i dati: non proprio famosi per riuscire a trasmettere emozioni. Ma anche i dati riescono hanno più livelli di comunicazione: dai freddi numeri, oltre al valore economico, si possono avere informazioni fondamentali per fare una strategia di web marketing efficace e poi misurarne i risultati.
È stato veramente un piacere ricevere la gratitudine dei presenti che hanno capito, ad esempio, che nell’analisi di quei dati c’è la risposta a offerte da fare, tempistiche di investimento, fino ad arrivare a informazioni come la mail per fidelizzare un cliente e valorizzarlo per generare nuove opportunità. Quindi, valore economico, ma non solo.

Con Alessio Venturi infine, siamo scesi nel pratico, per confermare che dalle parole poi si passa ai fatti, davvero.
Attraverso un caso studio ha raccontato come si struttura il lavoro di noi professionisti del marketing: dall’analisi del processo di acquisto all’ottimizzazione del processo di vendita, fino agli interventi sul sito, che poi sono fondamentali per ottenere risultati dalle varie azioni di web marketing.

L’invito quindi è a tutti gli imprenditori a contattarmi per analizzare i dati della propria azienda, capire le opportunità che offrono e sfruttare il percorso di formazione continua della durata di 24 ore e una consulenza individuale e personalizzata di 16 ore a costo zero, grazie ai finanziamenti europei.

Alessandro Fusi
Informazioni sull'autore

Alessandro Fusi - Cybermarket Web Agency

Digital Analyst and Strategist + Project Manager

Articoli Correlati

Venerdì 22 Novembre 2019
3 professionisti del marketing per ragionare su tutte le potenzialità di digitale + finanziamenti per le imprese
Mercoledì 22 Novembre 2017
La manifestazione affronta varie tematiche che riguardano l'informazione online